Slide1 background

Mare Termale Bolognese

Cure termali, fitness, benessere e bellezza

Slide1 background

Circuito della Salute Più

Strutture mediche nelle province di Bologna, Ferrara e Venezia

Slide1 background

Villaggio della Salute Più

Wellness, terme e natura tutto l'anno

Slide1 background

Emporio Benessere

Le terme e la natura: ingredienti essenziali per salute

Slide1 background

Valet

Corsi di aggiornamento medico, provider ECM 1328

Slide1 background

Multimed

Poliambulatori specialistici & day surgery

Le piscine termali? Palestre insuperabili

pubblicato il 18/07/2017

piscine termali

Le piscine termali superano le palestre ad alta tecnologia (comprese quelle con attrezzatura TechnoGym, pure presenti nelle palestre del Mare Termale Bolognese):
l’esperienza mostra infatti che le cure riabilitative del dolore muscolo-scheletrico, del dolore osteoarticolare e delle fibromialgie riescono meglio nelle piscine termali che all’asciutto.

Questo però può avvenire solo a patto che siano rispettate quattro condizioni:

1. Strutture dedicate. Le piscine devono essere state progettate in funzione del training fisico e riabilitativo, non a scopo prettamente  ludico-natatorio
2. Profondità. L’acqua non deve superare i 130-140 cm
3. Temperatura. L'acqua deve avere una temperatura intorno a 32° C. 
4. 5 principi. Devono essere rispettati i cinque principi terapeutici termali: idrostatico, idrotermico,  idrodinamico,  idrochimico e idrocinetico, che insieme rendono le piscine termali un unico, grande ambiente terapeutico.

Oltre a queste condizioni di natura tecnica, ce n’è una di tipo clinico: il personale medico e paramedico deve conoscere alla perfezione il ruolo delle articolazioni, che sono il vero “motore” del corpo umano.
Occorre insomma che chi prescrive i movimenti conosca bene i capillari e i recettori pericapsulari (e non endoarticolari, come molti credono), nonché la stimolazione e tensione mirata dei tendini, dei legamenti, dei muscoli e del tessuto connettivale.

Solo se il movimento avviene nel pieno rispetto di queste condizioni si può arrivare a una vera terapia efficace, perché la cura di molte affezioni richiede la stimolazione contemporanea di tutti i segmenti anatomici interessati con diverse intensità e velocità, cosa che non si può fare in una palestra tecnologica o a corpo libero, ma solo nelle piscine dedicate, perché la resistenza dell’acqua cambia in rapporto alla velocità  dei movimenti, mentre la densità dell’acqua (che è 1.100 volte quella dell’aria) protegge da possibili cadute e strappi muscolari.

Precedente | Successivo

Il gruppo